Utilizziamo i cookie per permettervi il miglior utilizzo possibile del nostro sito web e per ottimizzare la comunicazione con voi. Teniamo conto della vostra selezione e utilizziamo esclusivamente i dati per i quali avete espresso il vostro consenso.

Questi cookie contribuiscono a rendere fruibile il nostro sito web abilitando funzioni fondamentali come la navigazione tra le pagine e l'accesso alle aree protette. Senza questi cookie il nostro sito web non può funzionare correttamente.

Questi cookie ci consentono di capire in che modo i visitatori interagiscono con il nostro sito web, raccogliendo informazioni in forma anonima. Attraverso queste informazioni possiamo migliorare continuamente la nostra offerta.

Questi cookie vengono utilizzati per seguire i visitatori sui siti web. La finalità è quella di visualizzare annunci rilevanti e interessanti per il singolo utente e quindi di maggiore utilità per gli editori e gli inserzionisti di terze parti.

Approccio semplice - Inserimento tardivo dell’impianto

L’inserimento tardivo dell’impianto è un’opzione di trattamento sicura per qualsiasi chirurgo. Il posizionamento di impianti dopo un periodo di attesa di 6-8 mesi migliora la guarigione della ferita, facilita la gestione dei tessuti molli e semplifica la chirurgia. Le procedure di preservazione della cresta intrapresedirettamente dopo l'estrazione del dente minimizzano il riassorbimento osseo durante il periodo di attesa e mantengono quindi il volume della cresta.

Caso clinico: Utilizzo di biomateriali nella preservazione della cresta per l’inserimento tardivo degli impianti.

Geistlich Bio-Oss® Collagen e la membrana Geistlich Bio-Gide® garantiscono la neo-formazione ossea1 necessaria per un inserimento dell’impianto corretto e sicuro.


Bibliografia:

  1. Cardaropoli D, et al.: Int J Periodontics Restorative Dent 2012; 32(4): 421-430.