Incrementi ossei minori

La rigenerazione ossea guidata (GBR) è una procedura chirurgica che utilizza materiali da innesto e membrane barriera per supportare e guidare la neo-formazione di tessuto duro nei difetti ossei.

L’area del deficit osseo viene incrementata con osso autologo e/o un biomateriale per mantenere lo spazio e permettere la formazione di nuovo osso. Le membrane barriera che coprono il difetto innestato prevengono la crescita dei tessuti molli al suo interno.

Gli approcci di GBR vengono utilizzati, per esempio, per rigenerare l’osso in presenza di difetti di fenestrazione o deiscenza attorno a un impianto, per compensare deficit estesi dell’osso mascellare o per evitare il riassorbimento osseo dopo l’estrazione di un dente in alveoli con parete ossea non integra.

Perché utilizzare un sostituto osseo anziché l’osso autologo?

L’osso autologo stimola in modo ottimale la formazione di nuovo osso e quindi sembrerebbe il tipo di innesto da preferire. Il prelievo di osso dal paziente, tuttavia, causa dolore e prolunga la durata della procedura chirurgica e della convalescenza. Inoltre, l’osso autologo è soggetto a un certo grado di riassorbimento1.
I biomateriali sono una preziosa alternativa al trapianto di osso autologo e presentano diversi vantaggi. I sostituti ossei Geistlich risparmiano al paziente la dolorosa procedura di prelievo di osso autologo, costituiscono un’impalcatura stabile per la formazione di nuovo osso e stabilizzano il volume nel lungo periodo grazie al lento riassorbimento2. Per queste ragioni, Geistlich Bio-Oss® è il sostituto osseo più usato in odontoiatria3,4.

“La GBR con i biomateriali Geistlich rappresenta una terapia di successo da un punto di vista estetico e funzionale e mostra un elevato grado di predicibilità e ridotto rischio di complicanze estetiche.”
Prof. D. Buser, Berna, Svizzera

 

Perché utilizzare una membrana barriera?

La membrana barriera garantisce un processo rigenerativo indisturbato nell’area protetta, migliorando sensibilmente la rigenerazione ossea 5,6.
Oltre 16 anni di esperienza clinica hanno dimostrato che una membrana in collagene nativo come Geistlich Bio-Gide® costituisce una barriera ideale e garantisce un’integrazione ottimale dei tessuti7,8 nonché una guarigione priva di complicanze9. Non è necessaria la sua rimozione chirurgica perché la membrana si riassorbe in modo naturale.

Geistlich Bio-Oss® e Geistlich Bio-Gide® sono i prodotti più usati nelle procedure rigenerative come gli incrementi ossei minori1,2.

Questi prodotti garantiscono:

  • Una formazione ossea affidabile10-15.
  • Un’ottima osteointegrazione e preservazione del volume a lungo termine12,16,17.
  • Un tasso di sopravvivenza degli impianti a lungo termine18.   
  • Un processo di guarigione privo di complicanze9.
  • Eccellenti risultati estetici19.

I biomateriali Geistlich sono affidabili e facilitano le procedure anche per i chirurghi meno esperti.


Bibliografia:

  1. Jensen et al. Clin Oral Implants Res. 2012; 23(8): 902-910.
  2. Orsini, G, et al.: Oral Dis. 2007; 13(6): 586-593.
  3. iData Research Inc., US Dental Bone Graft Substitutes and other Biomaterials Market, 2011.
  4. iData Inc., European Dental Bone Graft Substitutes and other Biomaterials Market, 2012.
  5. Perelman-Karmon M, et al.: Int J Periodontics Restorative Dent. 2013; 32(4): 459-465.
  6. Wallace SS, et al.: Int J Periodontics Restorative Dent. 2005; 25(6): 551-559.
  7. Schwarz F, et al.: Clin Oral Implants Res. 2006; 17: 403-409.
  8. Schwarz F, et al.: Clin Oral Implants Res. 2008; 19(4): 402-415.
  9. Becker J, et al.: Clin. Oral Implants Res 2009; 20(7): 742-793.
  10. Aghaloo TL, Moy PK.: Int J Oral Maxillofac Implants 2007; 22: 49-70.
  11. Orsini G, et al.: J Biomed Mater Res. B: Appl Biomater. 74B, 2005; 448-457.
  12. Piattelli M, et al.: Int J Oral Maxillofac Implants 1999; 14: 835-40.
  13. Orsini G, et al.: Oral Dis.2007; 13: 586-593.
  14. Traini T, et al.: J Periodontol. 2007; 78: 955-961.
  15. Degidi M, et al.: Clin Implant Dent Relat Res. 2009; 11(3): 178-182.
  16. Sartori S, et al.: Clin Implants Res. 2003; 14: 369-372.
  17. Maiorana C, et al.: Int J Periodontics Restorative Dent. 2005; 25: 19-25.
  18. Jung RE, et al.: Clin Oral Implants Res. 2013; 24(10): 1065-1073.
  19. Buser D, et al.: J Periodontol .2011; 82(3): 342-349.