Utilizziamo i cookie per permettervi il miglior utilizzo possibile del nostro sito web e per ottimizzare la comunicazione con voi. Teniamo conto della vostra selezione e utilizziamo esclusivamente i dati per i quali avete espresso il vostro consenso.

Questi cookie contribuiscono a rendere fruibile il nostro sito web abilitando funzioni fondamentali come la navigazione tra le pagine e l'accesso alle aree protette. Senza questi cookie il nostro sito web non può funzionare correttamente.

Questi cookie ci consentono di capire in che modo i visitatori interagiscono con il nostro sito web, raccogliendo informazioni in forma anonima. Attraverso queste informazioni possiamo migliorare continuamente la nostra offerta.

Questi cookie vengono utilizzati per seguire i visitatori sui siti web. La finalità è quella di visualizzare annunci rilevanti e interessanti per il singolo utente e quindi di maggiore utilità per gli editori e gli inserzionisti di terze parti.

Rialzo laterale del pavimento del seno con follow-up di 20 anni

Dr. Devorah Schwartz-Arad
Tel-Aviv, Israel

  

Sfida Clinica

Una paziente sana di 62 anni si è presentata presso il centro chirurgico Schwartz-Arad per l'estrazione del primo molare mascellare destro. Questo caso clinico risale al 1997 ed ha follow-up di 20 anni. La regione interessata è il molare mascellare destro, non era curabile a causa di un difetto parodontale ed endodontico. Mancavano anche il primo e il secondo premolare mascellare destro. Il ponte esistente includeva il canino mascellare destro e il primo molare. La cresta alveolare disponibile non era sufficiente a causa della pneumatizzazione del seno mascellare destro e della lesione parodontale ed endodontica del dente. La paziente desiderava un restauro protesico fisso. La sfida clinica consisteva nel ricostruire contemporaneamente il volume osseo nella dimensione verticale tramite una procedura di incremento del seno e nel preservare la cresta durante l'estrazione del dente per inserire gli impianti nella seconda fase.

Risultato Clinico

Obiettivi

  • Rialzo del pavimento del seno attraverso la finestra laterale.  
  • Incremento osseo della cavità del seno mascellare prima di inserire gli impianti dopo 5 mesi.  

Conclusioni 

  • Trattamento di rialzo del pavimento del seno in due fasi.  
  • Il rialzo del pavimento del seno con Geistlich Bio-Oss® e Geistlich Bio-Gide® produce un risultato clinico positivo a lungo termine.
  • Situazione protesica perfetta al follow-up di 20 anni.

Scopo/Approccio

Procedura di incremento del seno con approccio dalla finestra laterale1

Assunzione profilattica preliminare per bocca di amoxicillina (1 g) e desametasone (8 mg) un'ora prima della procedura e applicazione locale di clorexidina 0,5%per 2 minuti. È stata eseguita un'incisione sulla cresta alveolare e un'incisione verticale distale rispetto alla tuberosità per consentire il prelievo osseo da mescolare con Geistlich Bio-Oss®. È stata praticata una finestra laterale usando una fresa a rosetta a bassa velocità. A questo punto, si è sollevata con cautela la membrana sinusale dal pavimento e dalla parete mediale. Per riparare la perforazione, si è utilizzato Geistlich Bio-Gide®. Poiché non è stato possibile ottenere la stabilità primaria dell'impianto, dopo 5 mesi si è proceduto all'inserimento ritardato dell'impianto. Il compartimento del seno mascellare è stato incrementato con Geistlich Bio-Oss®. La parete laterale fenestrata del seno mascellare è stata coperta con Geistlich Bio-Gide® riposizionando poi il lembo mucoperiosteale,suturato infine con Vicryl 3/0.

Conclusione

Questo caso, con follow-up di 20 anni, è solo un esempio tra tanti pazienti con creste alveolari insufficienti trattato presso il centro chirurgico Schwartz-Aradcon Geistlich Bio-Oss®. L'incremento osseo con Geistlich Bio-Oss® e GeistlichBio-Gide® per la procedura di rialzo del seno è un trattamento predicibile a lungo termine. Inoltre, la perforazione della membrana sinusale non ha influito negativamente sul successo dell'impianto, una volta corretta con Geistlich Bio-Gide®.

 

References:

    1. Schwartz-Arad D et al. 2004. J Periodontol. 75(4):511-6. (clinical study)