Aumento di spessore del tessuto molle

Le procedure di aumento del tessuto molle sono eseguite per diverse indicazioni cliniche, ad esempio per aumentare il volume dei tessuti sotto restauri a ponte o attorno a impianti e denti naturali. Lo scopo dell'intervento spesso è estetico e si basa sul biotipo e sulle aspettative del paziente.1-4 Il biotipo mucosale sottile è maggiormente propenso a disfunzioni funzionali ed estetiche, rispetto a quello spesso. L'aumento dei tessuti molli contribuisce per più del 40% del volume finale al sito implantare3, comportando una migliore estetica, dimensioni dei tessuti molli più stabili e contribuendo ad una maggiore stabilità dei livelli ossei attorno all'impianto.1-5

Gli innesti di tessuto connettivo (CTG) sono utilizzati per aumentare il volume dei tessuti molli e sono ancora considerati dalla comunità scientifica il gold standard.1-6 Tuttavia, questi innesti richiedono tempo e sono dolorosi da prelevare per il paziente. La nuova matrice volumetricamente stabile Geistlich Fibro-Gide® è l'alternativa al CTG autologo: permette di evitare gli svantaggi dovuti al sito di prelievo e di ridurre il dolore complessivo e le possibili complicanze post-operatorie.6-9 Dal punto di vista del risultato clinico, l'uso di Geistlich Fibro-Gide® è paragonabile all'innesto di tessuto connettivo.1-6


Caso clinico: Aumento dello spessore dei tessuti molli attorno ad impianto dentale con Geistlich Fibro-Gide®.

 

Bibliografia:

  1. Studer SP. et al. J Prosthet Dent. 2000;83(4):402-11.
  2. Kinsel RP & Capoferri D. et al. Pract Proced Aesthet Dent. 2008;20(4):231-6; quiz 237.
  3. Schneider D. et al. Clin Oral Implants Res. 2011;22(1):28-37.
  4. De Bruyckere T. et al. J Clin Periodontol. 2015;42(9):876-82.
  5. Zeltner M. et al. J Clin Periodontol. 2017;44(4):446-453.
  6. Thoma DS. et al. J Clin Periodontol. 2016; 43(10): 874–85.
  7. Sanz M. et al. J Clin Periodontol. 2009; 36(10): 868–76.
  8. Del Pizzo M. et al. J Clin Periodontol. 2002; 29(9): 848–54.
  9. Soileau KM. & Brannon RB. J Periodontol. 2006; 77(7): 1267–73.