Utilizziamo i cookie per permettervi il miglior utilizzo possibile del nostro sito web e per ottimizzare la comunicazione con voi. Teniamo conto della vostra selezione e utilizziamo esclusivamente i dati per i quali avete espresso il vostro consenso.

Questi cookie contribuiscono a rendere fruibile il nostro sito web abilitando funzioni fondamentali come la navigazione tra le pagine e l'accesso alle aree protette. Senza questi cookie il nostro sito web non può funzionare correttamente.

Questi cookie ci consentono di capire in che modo i visitatori interagiscono con il nostro sito web, raccogliendo informazioni in forma anonima. Attraverso queste informazioni possiamo migliorare continuamente la nostra offerta.

Questi cookie vengono utilizzati per seguire i visitatori sui siti web. La finalità è quella di visualizzare annunci rilevanti e interessanti per il singolo utente e quindi di maggiore utilità per gli editori e gli inserzionisti di terze parti.

Situazione di atrofia ossea rilevante

L’entità del difetto è tale da non consentire l’inserimento implantare protesicamente guidato.

E' necessario adottare una tecnica in due tempi e l’inserimento implantare dovrà essere preceduto da una ricostruzione del sito mediante tecniche di incremento osseo. La pianificazione protesica consentirà una più precisa pianificazione della chirurgia ricostruttiva e la scelta della tecnica ricostruttiva stessa.

L’utilizzo della dima diagnostica (ottenuta dalla ceratura di diagnosi) consentirà inoltre di eseguire una ricostruzione ossea strettamente correlata al progetto implanto-protesico. La stessa dima potrà essere utilizzata successivamente nel secondo tempo chirurgico per guidare l’inserimento degli impianti nel sito ricostruito.