Utilizziamo i cookie per permettervi il miglior utilizzo possibile del nostro sito web e per ottimizzare la comunicazione con voi. Teniamo conto della vostra selezione e utilizziamo esclusivamente i dati per i quali avete espresso il vostro consenso.

Questi cookie contribuiscono a rendere fruibile il nostro sito web abilitando funzioni fondamentali come la navigazione tra le pagine e l'accesso alle aree protette. Senza questi cookie il nostro sito web non può funzionare correttamente.

Questi cookie ci consentono di capire in che modo i visitatori interagiscono con il nostro sito web, raccogliendo informazioni in forma anonima. Attraverso queste informazioni possiamo migliorare continuamente la nostra offerta.

Questi cookie vengono utilizzati per seguire i visitatori sui siti web. La finalità è quella di visualizzare annunci rilevanti e interessanti per il singolo utente e quindi di maggiore utilità per gli editori e gli inserzionisti di terze parti.

Evidenza clinica – AMIC® Chondro-Gide® nell'astragalo

Come lavora Chondro-Gide®

Chondro-Gide® fornisce una copertura protettiva e mantiene nel sito le cellule rilasciate dall’osso o introdotte nel difetto. Completa il trattamento rigenerativo per le lesioni condrali e osteocondrali. Mentre avvolge il difetto e le cellule al suo interno durante la fase iniziale del processo di guarigione, Chondro-Gide® riassorbe in circa 1-4 mesi1 e viene sostituita da tessuto nativo

Successo con Chondro-Gide® senza osteotomia

Numerosi studi hanno dimostrato che Chondro-Gide® può essere introdotta e posizionata con successo senza osteotomia. Walther et al.2 ha descritto la ricostruzione di difetti della cartilagine focale dell’astragalo con mini-artrotomie e Chondro-Gide® per difetti della cartilagine focale ICRS di grado III e IV di area > 1.5 cm2. I ricercatori hanno revisionato i risultati ottenuti in 14 pazienti con un periodo fi follow-up > 30 mesi. Tutti hanno mostrato un miglioramento del valore American Orthopedic Foot and Ankle Society (AOFAS), da 50 a 89 punti, con la stessa mobilità di entrambi i lati dell’articolazione superiore della caviglia. Non sono state osservate complicazioni intraoperatorie. Hanno concluso che AMIC® Chondro-Gide® è una procedura semplice. La membrana può essere impiantata attraverso una tecnica mini-open, senza osteotomia del malleolo laterale o mesiale in quasi tutti i casi. Hanno anche concluso che AMIC® Chondro-Gide® è una procedura a step singolo economica comparata alla ricostruzione della cartilagine con condrociti coltivati in-vitro.

In un’analisi dei risultati a medio termine, Gottschalk et al.3 hanno trovato risultati promettenti negli studi a 2 e 5 anni. I ricercatori hanno riscontrato il maggior miglioramento clinico nel primo anno dopo la chirurgia. Tra 1 e 5 anni è stato osservato un ulteriore miglioramento, anche se non statisticamente significativo. In modo significativo, i pazienti possono tornare a fare sport dopo 5 anni.

 

 

Numerosi autori hanno riportato il vantaggio di una procedura artroscopica per il trattamento del OCL dell’astragalo. Il trattamento artroscopico può ridurre il trauma chirurgico e rende superflua un’osteotomia tibiale o fibulare e la successiva rimozione non necessario dell’hardware4.

Per maggiori dettagli su Chondro-Gide®, tecniche chirurgiche e approfondimenti clinici scaricare la brochure.

 

Referenze bibliografiche

  1. Chondro-Gide® IFU 2019, Geistlich Pharma AG
  2. WALTHER, M., et al., Reconstruction of focal cartilage defects in the talus with miniarthrotomy and collagen matrix. Operative Orthopädie und Traumatologie. 2014. Vol. 26, no. 6, p. 603-610. DOI 10.1007/s00064-012-0229-9. Springer Nature (Clinical Study)
  3. GOTTSCHALK, O., et al., Functional Medium-Term Results After Autologous Matrix-Induced Chondrogenesis for Osteochondral Lesions of the Talus: A 5-Year Prospective Cohort Study. The Journal of Foot and Ankle Surgery. 2017. Vol. 56, no. 5, p. 930-936. DOI 10.1053/j.jfas.2017.05.002. Elsevier BV (Clinical Study)
  4. USUELLI, F., et al., All-arthroscopic AMIC® (AT-AMIC®) technique with autologous bone graft for talar osteochondral defects: clinical and radiological results. Knee Surgery, Sports Traumatology, Arthroscopy. 2016. Vol. 26, no. 3, p. 875-881. DOI 10.1007/s00167-016-4318-4. Springer Nature (Clinical Study)

 

Dr. Sanja Saftic
International Product Manager